Materasso in lattice o memory foam? Quale scegliere?

Vuoi acquistare un nuovo materasso e sei indeciso tra un materasso in lattice e un materasso in Memory Foam?

Bene, ti invitiamo a prenderti qualche minuto. L’acquisto di un materasso è un investimento (non da poco) per il tuo benessere e non va effettuato alla leggera.

Ecco i fattori da considerare prima di spendere dei soldi!

La differenza tra lattice e Memory Foam

Il lattice è una resina biancastra (da qui l’origine latina latex, cioè latte) ricavata dal cosiddetto “albero della gomma”. Una volta raccolto, il lattice è sottoposto a un processo chimico detto vulcanizzazione che genera la lastra solida di lattice.

Il foam invece è schiuma di poliuretano e si caratterizza per proprietà differenti a seconda delle componenti usate in fase di espansione del poliuretano.

Spesso si parla erroneamente di materasso in Memory Foam, ma il Memory Foam è un tipo di schiuma che per sua composizione non può sostenere il peso del corpo. In genere, il Memory è presente nell’imbottitura mentre la lastra alla base che sostiene il corpo è costituita da un foam ad alta densità.

Perciò, è più corretto parlare di materasso in foam piuttosto che di materasso in Memory Foam.

Gli svantaggi di un materasso in lattice

Il lattice ha attraversato un periodo di enorme popolarità in passato e nella mente di tanti è rimasto il mito del materasso in lattice.

Persistono alcuni luoghi comuni su questa tipologia di materassi, idee dure a morire che conviene però approfondire con attenzione prima di effettuare la propria scelta.

Il lattice (non) è ortopedico

Soffri di mal di schiena? Forse il lattice non è il supporto ideale per te.

I materassi in lattice sono composti da una lastra di lattice, materiale elastico e resistente, tuttavia poco adatto a prevenire e trattare il mal di schiena.

Come dici? Il materasso ortopedico è in lattice? Questa è una falsa credenza che risale agli anni 90 quando comincia a spopolare il concetto di “materasso duro e rigido” come materasso ortopedico, cioè benefico per la colonna vertebrale.

In tale ottica, la resistenza e l’elasticità del lattice sono state associate alla capacità di supportare il corpo in maniera corretta.

Tuttavia, la nostra colonna vertebrale non è una linea retta ma presenta delle naturali ondulazioni che una lastra compatta e rigida non può soddisfare in maniera ottimale.

Ecco perché materassi a molle insacchettate e materassi in foam sono più adatti per chi soffre di mal di schiena o cervicale: Il foam, nello specifico, offre un supporto robusto ma più “ortopedico” rispetto al lattice.

Se soffri di mal di schiena, in particolare, assicurati che il materasso sia un materasso certificato come Dispositivo Medico di Classe I, cioè idoneo alla prevenzione e al trattamento di mal di schiena e dolore cervicale.

Il lattice è naturale

Un’altra argomentazione a supporto del lattice è la sua origine naturale. Attenzione però alle diciture!

  • un materasso in lattice di origine naturale deve essere composto per legge almeno all’85% di lattice proveniente dalla pianta; in ogni caso, non esiste un materasso che sia interamente in lattice; 
  • se la percentuale è inferiore all’85%, o addirittura si tratta di lattice sintetico, allora bisogna limitarsi alla dicitura di materasso in lattice.

Attenzione anche a chi parla di lattice 100% naturale: magari il lattice è del tutto naturale, ma la definizione non chiarisce in che misura questo lattice 100% naturale sia presente nel materasso!

Il lattice è anallergico (ma attira muffe e batteri!)

Se soffri di allergie il materasso in lattice è un’opzione da considerare. Tuttavia, non è corretto dire che il materasso in lattice sia anallergico: innanzitutto è sconsigliato a chi è allergico proprio al lattice!

Inoltre, i materiali naturali o di origine naturale attirano acari e batteri. Seppur di base la lastra in lattice non sia allergica, dunque, un materasso in lattice attrae microorganismi e favorisce la creazione di muffe.

Ecco perché i materassi in lattice richiedono una maggiore manutenzione rispetto ad altri modelli. Si consiglia, infatti, di far arieggiare il materasso almeno una volta a settimana.

Il lattice (non) è traspirante

La lastra alla base dei materassi in lattice è una lastra compatta e poco traspirante. Il calore è trattenuto all’interno del materasso ed impedisce la creazione di un microclima di riposo ideale.

Tale difetto lo accomuna ai materassi in foam / memory foam di fascia bassa, mentre invece i materassi in foam di fascia alta presentano sistemi e soluzioni traspiranti che risolvono tale problematica e consentono un riposo fresco e asciutto.

I vantaggi del materasso in foam

I materassi in foam si adattano meglio alle forme del corpo rispetto al lattice. Ciò è tanto più vero in presenza di Memory Foam che accoglie dolcemente il corpo e si modella ad esso.

Il foam è una schiuma di poliuretano e come tale è ipoallergenico, evita cioè la diffusione di acari, batteri e muffe.

In definitiva, il materasso in foam assicura i seguenti vantaggi:

  • sostegno rigido ma più adattabile e ortopedico rispetto al materasso in lattice;
  • ipoallergenico e igienico
  • minore necessità di manutenzione
  • più fresco e traspirante in confronto ai materassi in lattice, soprattutto se si prendono in considerazione i modelli di fascia alta.

Torniamo al nostro quesito iniziale. Sei ancora indeciso tra un materasso in lattice e un materasso in foam?

Materasso in lattice o materasso in foam: quale scegliere?

Se sei arrivato fin qui avrai capito che il materasso in lattice è oggi un sistema di riposo superato.

Pur non privo di vantaggi, un materasso in lattice presenta numerosi difetti che i materassi in foam hanno risolto e oltrepassato da tempo.

Ecco perché ti consigliamo di orientarti su supporti moderni in foam. La nostra proposta? X-BIO, il materasso dall’eccellenza brevettata!

X-BIO: il sistema brevettato, unico e originale!

X-BIO è un sistema di riposo brevettato nel mondo, una soluzione originale che unisce materie prime di qualità e sviluppo tecnologico per garantirti il giusto sostegno, un comfort ottimale e prestazioni eccellenti in termini di traspirazione, freschezza e ipoallergenicità.

Performance superiori per chi deve essere sempre al meglio. Ecco perché X-BIO è stato scelto anche dai calciatori della Lazio per il proprio riposo!

La linea X-BIO si compone di più modelli disponibili in due versioni, foam e molle insacchettate, entrambe certificate Dispositivo Medico di Classe I.

Tutti i modelli sono quindi idonei alla prevenzione e al trattamento di mal di schiena e dolore cervicale. Nello specifico, il foam offre un sostegno più rigido idoneo per chi ha bisogno di un supporto più consistente.

I materassi X-BIO hanno poi un’imbottitura in Memory Foam che garantisce un’accoglienza confortevole e favorisce un’equa distribuzione del peso.

Ciò impedisce la formazione di “punti di pressione” che causano formicolii e addormentamento degli arti. X-BIO – La rivoluzione del riposo!

X-Bio - La Rivoluzione del riposo!

I modelli X-BIO si caratterizzano per un inconfondibile design registrato, differente per ogni modello, e un rivestimento con elementi innovativi che arricchiscono il riposo di benefici.

Tutti i modelli utilizzano il sistema X-BIO che tramite la sinergia delle fibre hi-tech Coolmax, Airmesh e dei Power Channel ricicla il sudore e favorisce il processo di termoregolazione con un notevole risparmio di energia. L’ideale per chi conduce una vita attiva ed energica!

In più, tutti i modelli sono dotati di Multi-Fresh System sui lati del materasso, accorgimento tecnico che combatte l’umidità e mantiene il materasso fresco e asciutto.

Scopri i modelli della linea X-BIO o contattaci per parlare con un nostro operatore!

Prodotti correlati

Ultimi post

Vedi tutti